INDENNITA' DI FREQUENZA

Tale forma di sussidio economico è stato istituito con la legge Legge 11 ottobre 1990, n. 289. E’ accordato ai soggetti di età inferiore ai 18 anni, riconosciuti con  difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della minore età, nonché minori ipoacusici che presentino una perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio migliore nelle frequenze 500, 1000, 2000 hertz; validità per il solo periodo di frequenza, requisito fondamentale è quindi la frequenza continua o periodica di centri ambulatoriali oppure frequenza di scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado a partire dagli asili nido;

Ecco i requisiti: 

- Età inferiore a 18 anni;

- essere cittadino italiano o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

- essere stati riconosciuti "minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età" (L. 289/90) o "minore con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio migliore";

- frequentare un centro di riabilitazione, un centri di formazione professionale, un centri occupazionali o a scuole di ogni grado e ordine;

- non disporre di un reddito annuo personale superiore a Euro 4.906,72  (ANNO 2018);
L'indennità di frequenza viene erogata per tutta la durata della frequenza ai corsi, alla scuola o a cicli riabilitativi.

Per il 2019 l'importo è di 285,66 euro mensili.

L'indennità di frequenza è incompatibile con l'indennità di accompagnamento e con l'indennità di comunicazione concessa ai sordomuti.
E’ incompatibile, invece, con qualsiasi forma di ricovero.
Annualmente (31 marzo) va presentata la dichiarazione di responsabilità circa l'assenza di ricovero.

Copyright Studio Legale Liberto